Omaggio


Josè Guevara nasce in Spagna a Pueplo di Guzman (Heulva) nel 1926.Compie studi economici ed artistici. Per ragioni politiche emigra durante il franchismo, nell’America Meridionale dove conosce le poetiche informali importate dall’Europa. Nell’1953 scopre a Montevideo una tecnica di bruciatura del colore che segna definitivamente la sua evoluzione stilistica, facendone uno dei più originali esponenti dell’informalismo materico mondiale. A partire dal 1958 incomincia ad esporre, sia presso musei pubblici che gallerie private, in vari paesi del mondo. stabilisce la sua residenza in Francia (dapprima a Parigi poi a Seaux) fino alla caduta della dittatura franchista, dopo di che rientra a Madrid. Partecipa, inviato, alle biennali internazionali d’arte più importanti del mondo (Venezia, San Paolo del Brasile, Parigi, Alessandria d’Egitto). A Partire dalla metà degli anni ’60 abbandona gradualmente l’astrattismo a favore di una forma di espressionismo sempre debitore dell’informale, più consona alla tecnica della bruciatura del calore. Realizza effetti di trasparenza, scintillio, corrugamento e cristallazzizione del pigmento cromatico, con velature di diverso spessore e fluidità che da vitaa tematiche figurative di vario genere, prime fra tutte le corride. Ha esposto in Spagna, Italia, Argentina, Germania, Stati Uniti, Iraq, Panama, Libano, Cuba, Lussemburgo, Francia Giappone e Cina. Sue opere sono ospitate presso i musei di Madrid, Heulva, Melbourne, Gasden, Menphis, Bagdad, Buenos Aries, Montevideo, Jesi, Panama, Parigi, Siviglia,Macerata, Cordoba, Zamora, Murcia, Palermo, Pollenza, Dallas, Rio de Janeiro, Roma, Londra, Amsterdam, Pechino.